• La libertà si estende solo fino ai limiti della nostra coscienza. Carl Gustav Jung.

Scuola e Pandemia: si va verso protocollo con Ordine Psicologi

Scuola e Pandemia: si va verso protocollo con Ordine Psicologi


Scuola e Pandemia, la Regione: “Progettualità con Ordine degli Psicologi per accompagnare la Scuola in questo momento di difficoltà”

Martedì sera, con la partecipazione dell’assessore regionale all’Istruzione del Veneto, Elena Donazzan, si è tenuto il primo incontro promosso dal Coordinamento dei Presidenti dei Consigli di Istituto del Veneto con il Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Veneto, dott. Luca Pezzullo. Era presente, inoltre, il Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, dott.ssa Carmela Palumbo.

L’Ordine degli Psicologi nazionale, infatti, ha recentemente siglato un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione per rendere il proprio contributo professionale nella gestione dei problemi che la scuola sta vivendo a causa della pandemia. L’Ordine professionale, inoltre, ha comunicato la disponibilità ad ampliare la progettualità di aiuto in ambito regionale, delineando un ‘modello Veneto’ del tutto peculiare.

“La comunità scolastica, intesa come corpo docente e non docente, come famiglie coinvolte e in particolare come studenti, sta vivendo un momento molto difficile, non solo sotto l’aspetto della didattica ma anche, e soprattutto, sotto quello della socialità, della vita di comunità, delle relazioni e delle passioni che sono di fatto impedite e limitate – afferma l’assessore Donazzan -. Questo alimenta uno stato crescente di ansia che, in alcuni casi, sta già rischiando di degenerare in problematiche dei singoli o dei gruppi. Sono sempre più convinta dell’accortezza della scelta di coinvolgere in questa partita il Coordinamento dei Presidenti dei Consigli di Istituto. Sono, infatti, la rappresentanza più motivata e responsabile dei genitori e ci possono permettere di avere una visione a tutto tondo sulla scuola in tempo di pandemia. La scuola è comunità, famiglie e figli, sono gli studenti e quei docenti che hanno un ruolo portante non solo nella didattica, ma anche nella formazione della persona”.

“Alcune progettualità legate alla formazione e al supporto dei docenti potranno essere attivate fin da subito – conclude Donazzan -. Sperimenteremo un modo nuovo di accompagnare la nostra scuola, con un grande lavoro di squadra, con la delicatezza che vuole il momento, ma con la consapevolezza di dover dare aiuto sotto tanti punti di vista, quello psicologico e sociale in primis”.