Cara Collega, caro Collega,
a partire dal 25 maggio assumerà piena efficacia (su tutto il territorio dell’Unione Europea) il Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati, che in Italia prenderà il posto del cosiddetto Codice Privacy (D.Lgs 196/2003).
La piena efficacia del Regolamento giunge dopo un periodo di ben due anni di gestazione, concessi dal Legislatore Europeo affinché Aziende, Professionisti, Enti ed Istituzioni potessero agevolmente adeguare i propri sistemi interni alla nuova disciplina.
Il testo nasce con lo spirito di coniugare due esigenze fondamentali legate anche al forte utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione: da un lato la necessità di conferire maggiori tutele ai diritti degli interessati (tra i molti: informativa, accesso e diritto all’oblio); dall’altro agevolare e sostenere la crescente economia del mercato digitale mediante la libera circolazione dei dati personali.
In questo rinnovato quadro normativo, in realtà ancora in evoluzione perché si aspettano ulteriori documenti interpretativi del Garante della Privacy, il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi – come molti altri Ordini professionali nazionali - provvederà a stretto giro a fornire alcune indicazioni agli iscritti sull’applicazione del Regolamento.
Come Ordine degli Psicologi del Veneto forniremo entro il 25 maggio a tutti gli iscritti un vademecum illustrativo dei principali adempimenti che dovranno rispettare per il trattamento dei dati dei pazienti, una check-list utilizzabile per l’autovalutazione del rischio, nonché una serie di modelli utili per essere conformi a quanto prevede il Regolamento (bozza di informativa pazienti, Data Breach Policy, Policy DPIA, Registro del trattamento, contratti con i Responsabili del trattamento).
Inoltre, verrà organizzato un evento formativo che vi sarà tempestivamente comunicato e messo a disposizione sui canali web dell’Ordine, nel corso del quale saranno distribuiti e illustrati tali materiali.
Ti saluto e ti auguro buon lavoro.

Il Presidente
Alessandro De Carlo